“Una settimana fa, le forze turche sono entrate in Siria. All’inizio di questa settimana il presidente Trump ha preso provvedimenti, chiedendo alle forze turche di fermarsi, di mettere fine alla violenza e di accettare i negoziati. E oggi sono orgoglioso di riferire che, grazie alla forte leadership del presidente Donald Trump e alle solide relazioni tra il Presidente Erdogan e la Turchia e gli Stati Uniti, oggi Usa e Turchia hanno concordato il ‘cessate il fuoco‘ in Siria. I turchi sospenderanno l’operazione Peace Spring per permettere il ritiro delle forze YPG (l’Unita’ di protezione popolare) dalla zona sicura per 120 ore. Tutte le operazioni militari che riguardano l’operazione Peace Spring verranno sospese e la stessa operazione verra’ completamente interrotta al completamento del ritiro”. Cosi’ il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, ha annunciato l’accordo raggiunto con Erdogan sulla situazione nel Medio Oriente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libano, 2 morti e 60 feriti durante gli scontri per le nuove tasse imposte dal governo

next
Articolo Successivo

Egitto ed Etiopia si scontrano per l’acqua del Nilo. Non è la prima volta (e purtroppo non sarà l’ultima)

next