Manovra economica? Il Parlamento è pagato per fare delle modifiche, io ad esempio personalmente non condivido l’idea di cambiare ogni anno le regole per chi è in partita iva. Sanzioni per esercenti che non usano il pos? Bisogna abbassare i costi dei pos per incentivare la moneta elettronica, non si deve penalizzare. Auspico che non sia una gara al rialzo, non facciamo la gara a chi è il primo della classe. Del resto, non credo che Renzi sia mai stato il primo della classe. Quota 100? Io quelli di Italia Viva non ho ancora capito chi sono. Per me quota 100 serve per superare la legge Fornero, non dobbiamo fare battaglie ideologiche. Scontro M5s-Conte sulla soglia del contante? Non c’è nessuno scontro, Conte sta facendo un grande lavoro. Io non voglio che si facciano le cose per fare favori alle banche”. Così il viceministro dello Sviluppo economico Stefano Buffagni a margine della conferenza stampa di presentazione della nuova edizione di ‘Mind Education’ alla Cascina Triulza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, il popolo italiano dai buoni propositi vive solo nel libro Cuore

next
Articolo Successivo

Alitalia e Whirlpool, Buffagni contro Calenda: “Non mi piacciono i professori del giorno dopo”

next