Jessica Faoro “frequentava un brutto giro legato alla droga”. Per questa frase, pubblicata nel suo libro Un’altra strada. Idee per l’Italia di domani, Matteo Renzi è indagato a Padova per diffamazione. A presentare la querela sono stati i genitori della ragazza, uccisa con 85 coltellate a Milano il 7 febbraio 2018 dal tramviere Alessandro Garlaschi in un appartamento di via Francesco Brioschi.

Quelle frasi del leader di Italia Viva sulla giovane assassinata lo scorso anno sono giudicate diffamanti dai suoi genitori. Non la pensa così il pm Luisa Rossi, che ha chiesto l’archiviazione alla quale il padre e la madre di Jessica hanno già annunciato opposizione. A loro avviso la frase con cui l’ex premier, nel punto in cui fa un parallelo tra il caso di Jessica e quello di Pamela, sarebbe stata diffamatoria nei confronti della figlia uccisa a soli 19 anni, la quale, pure dagli atti del fascicolo di indagine, non risulta abbia mai abusato di sostanze stupefacenti.

Il pm Rossi, che lo ha iscritto nel registro degli indagati, ha però chiesto l’archiviazione ritenendo che “gli elementi acquisiti nelle indagini preliminari non appaiono idonei a sostenere l’accusa in giudizio”. E questo in quanto “da una ricerca su internet” si legge nella istanza di archiviazione, la notizia che la giovane “consumasse sostanze stupefacenti era stata resa pubblica nell’immediatezza del suo assassinio” da alcuni organi di stampa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rigopiano, il legale dei familiari delle vittime: “Lo Stato vuole tirarsi fuori dal risarcimento”

prev
Articolo Successivo

Stadio della Roma, archiviata l’inchiesta sull’assessore allo Sport Daniele Frongia

next