Appassionati e professionisti del nuoto saranno felici di sapere che hanno un nuovo strumento hi-tech a disposizione per misurare le loro prestazioni in vasca, così come nelle acque libere. Si tratta di Swim 2, il nuovo smartwatch di Garmin impermeabile fino a 5 atmosfere, che monitora la frequenza cardiaca sott’acqua, la distanza, il passo, il numero e l’ampiezza delle bracciate, il tipo di stile. Insomma, è il prodotto fatto su misura per gli amanti del nuoto.

Swim 2 è dotato di GPS, proprio per permettere all’utente di allenarsi fuori dalla vasca della piscina, in acque libere, registrando comunque tutte le informazioni sulla sessione di allenamento. I nuotatori apprezzeranno anche la nuova funzione che traccia automaticamente le pause e le ripetute, senza dover fare nulla.

Garmin Swim 2 è già in vendita tramite il sito ufficiale del produttore a un prezzo di 249,99 euro, nelle colorazioni bianco e ardesia. Lo schermo non è touch e ha un diametro di 26,3 millimetri. La mancanza del touch obbliga a usare i cinque pulsanti laterali. La cassa è da 42 millimetri, quindi è più adatta al polso tipicamente maschile, il cinturino è in silicone.

Ovviamente si può usare Swim 2 anche fuori dall’acqua, con tutte le funzioni tipiche degli smartwatch: contapassi, monitoraggio del sonno, notifiche, timer, sveglia, eccetera. I dati vengono registrati nell’app Garmin Connect da installare sullo smartphone. Il produttore promette un’autonomia fino a 7 giorni in modalità smartwatch, fino a 13 ore in modalità GPS e frequenza cardiaca ottica (OHR), e fino a 72 ore in modalità piscina e OHR.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smartphone Oppo Reno2: torna la pinna di squalo, abbinata a 4 fotocamere posteriori

next
Articolo Successivo

Instagram dà agli utenti maggiore controllo sui dati condivisi dall’app

next