M5s? L’unico che ha lucidità politica rimane Beppe Grillo, magari facendo l’istrione. Ma è l’unico che mantiene una lucidità politica“. Sono le parole pronunciate ai microfoni di “Barba & Capelli”, su Radio Crc, dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, commentando l’evento Italia 5 Stelle.

“Hanno festeggiato 10 anni di vita e questo fa piacere – continua – Quando c’è una forza politica che regge e che si sviluppa è sempre un fatto positivo. Credo però che sia mancata una cosa fondamentale: un’operazione verità. Hanno detto tutti che dopo 10 anni sono cambiati. Bene, in che cosa siete cambiati? In una cosa sicuramente il gruppo dirigente 5 Stelle non è cambiato: non ha ancora imparato la buona educazione, non ha ancora imparato il rispetto civile per i propri interlocutori. Questo è il motivo per cui continuo a parlare con gli elettori del M5s e non con questi dirigenti, che sono un impasto di demagogia, di arroganza e di ignoranza“.

De Luca elenca tutti i motivi noti del suo biasimo nei confronti dei dirigenti 5 Stelle e menziona la bagarre avvenuta ieri al Consiglio Regionale della Campania tra la capogruppo M5s Valeria Ciarambino e il consigliere regionale Pd Antonio Marciano: “Se questi 10 anni segnano un’evoluzione verso un livello di correttezza e di civiltà, allora ci si può incontrare per discutere dei problemi, sempre rispettandosi. E allora quell’anniversario sarebbe un fatto positivo. Ma se devo valutare quello che sento nel Consiglio Regionale, è meglio chiudere le porte, perché veramente sembra che non ci sia speranza rispetto alla propensione all’arroganza e alla demagogia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nome ‘Alto Adige’, il presidente Kompatscher: “Modifichiamo legge”. Ma FdI chiede al governo di impugnarla per i medici austriaci

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, la Lega torna sopra il 30: elettorato potenziale del 40%. Due su 3 a favore di pene più dure agli evasori e per il sì allo Ius culturae

next