Nel corso della conferenza stampa tenutasi ieri sera a New York, Google ha presentato i nuovi smartphone Pixel 4 e Pixel 4 XL, gli auricolari true wireless Pixel Buds, l’altoparlante intelligente Nest Mini e il router Nest WiFi. Per la maggior parte si tratta di prodotti attesi e ampiamente anticipati, ma l’aspetto interessante sono le caratteristiche.

Partiamo con gli smartphone. Come anticipato puntano soprattutto sul comparto fotografico, che ora conta due sensori sul pannello posteriore. Quello principale è da 12,2 Megapixel, il secondario è un teleobiettivo da 16 Megapixel che abilita uno zoom ottico 2X. Si possono registrare video fino alla risoluzione 4K a 60 fotogrammi al secondo con stabilizzazione elettronica dell’immagine. Anche sulla parte anteriore troviamo due fotocamere (8 Megapixel + 8 Megapixel), analogamente ai modelli dello scorso anno.

I due modelli sono accomunati dalla stessa piattaforma hardware, basata sul processore Qualcomm Snapdragon 855, affiancato da 6 Gigabyte di memoria RAM e da uno spazio di archiviazione di 64/128 Gigabyte. Google ha mantenuto la tradizione: la memoria non è espandibile. Sul fronte della connettività troviamo Bluetooth 5.0, Wi-Fi Dual-Band, NFC, USB-C 3.1. La parte software è ovviamente affidata ad Android 10. La novità più interessante è Motion Sense, un sensore che permette ai Pixel di essere controllati a distanza, senza doverli toccare.

La differenza fra il Pixel 4 dalla variante XL è la diagonale dei display: 5,7 pollici con risoluzione di 1.080 x 2.160 pixel, che salgono a 6,3 pollici e la risoluzione a 1.440 x 3.040 pixel per il modello XL. Entrambi gli schermi hanno una frequenza di aggiornamento di 90 Hz. Seconda differenza riguarda la capacità della batteria: il più piccolo ne ha in dotazione una da 2.800 mAh, che diventano 3.700 per la variante XL.

Chiudiamo con i prezzi: Pixel 4 costa 759 euro, mentre per la versione XL bisogna pagare 899 euro.

Pixel Buds

Come accennato in apertura, Google ha annunciato anche gli auricolari true wireless Pixel Buds. Puntano sull’integrazione con i servizi dell’azienda, prima di tutto con l’assistente vocale Google Assistant. Sul negozio online italiano sono presenti ma non si possono ancora comprare, negli USA hanno una quotazione di 179 dollari.

Esteticamente parlando ricordano un po’ i Surface EarBuds. Hanno una forma rotonda, e una sorta di linguetta che dovrebbe garantire una migliore indossabilità e stabilità all’interno dei padiglioni auricolari. Attendiamo di poterli provare per dare maggiori dettagli al riguardo.

Sono compatibili con iOS e Android, e la novità è che permettono di controllare il dispositivo a cui sono connessi tramite Google Assistant. In abbinamento con i dispositivi Android questa integrazione dovrebbe essere maggiore.

Internamente ci sono altoparlanti dinamici da 12 mm, che sono grandi per prodotti di questo tipo (solitamente si parla di 6-7 mm). Il motivo è che Google punta sulla qualità audio. Risulta inoltre un sensore anti vento che, tra l’altro, dovrebbe migliorare l’audio durante le chiamate. Il produttore promette 5 ore di autonomia in uso continuo, che salgono a 24 ore calcolando anche la custodia con funzioni di ricarica.

Nest Mini

Nest Mini è la nuova versione di Home Mini, che ha cambiato denominazione. È un prodotto che rientra nell’ambito dell’Internet degli Oggetti, ed esteticamente non si differenzia in alcun modo dall’Home Mini che già conosciamo. È un altoparlante piccolo e rotondo, con la parte superiore ricoperta in tessuto e la base è in policarbonato. All’interno si cela un altoparlante con driver da 40 mm e, ovviamente, Google Assistant con tre microfoni a lungo raggio. Costa 59 euro ed è già possibile prenotarlo.

Nest WiFi

L’integrazione dell’assistente vocale è anche il leitmotiv di Nest WiFi, un router WiFi che integra anche uno smart speaker con Google Assistant. Si collega direttamente al modem, e prevede anche un satellite per aumentare la copertura di rete.

Al primo satellite se ne possono aggiungere altri in virtù del sistema modulare, in modo da raggiungere più punti della casa con la connessione Wi-Fi. La parte “intelligente” sta nel fatto che i dispositivi domestici si potranno collegare direttamente, senza la necessità di un hub.

Per la configurazione e le impostazioni basta installare l’app Google Home, valida anche per cambiare la password. Sempre tramite app si potrà controllare la rete anche a distanza in caso di problemi. Sarà disponibile dal 4 novembre nei tre colori neve, sabbia e nebbia , con prezzi a partire da 269 dollari per il kit composto da router e satellite, e da 349 dollari per il kit composto dal router e due satelliti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

MyCIA è l’app italiana che vi dice dove mangiare il vostro piatto preferito

next
Articolo Successivo

L’esoscheletro Power Assist Suit di Panasonic aiuterà gli atleti paraolimpici nel sollevamento pesi

next