Oltre 5mila migranti sono state evacuati dopo che ieri sera un incendio è divampato alle porte del Centro di accoglienza dell’isola greca di Samos, uno dei primi approdi in Europa per chi arriva da Medio Oriente. Secondo le prime ricostruzioni della stampa greca, il rogo è legato a scontri tra profughi iniziati nel pomeriggio: otto persone sono state portate in ospedale. Da tempo le organizzazioni umanitarie denunciano il sovraffollamento del campo, dove la situazione è al collasso per l’altissimo numero di arrivi. Anche nell’isola di Lesbo le condizioni di vita sono al limite e sono di poche settimane le immagini di un vasto incendio nell’hotspot di Moria

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giappone, sale a 70 il numero delle vittime del tifone Hagibis: 16 i dispersi e oltre 200 i feriti

next
Articolo Successivo

Siria, Trump firma le sanzioni alla Turchia e invia Pence ad Ankara. Erdogan: “Il mondo ci sostenga o si prenda i rifugiati”

next