Oltre 5mila migranti sono state evacuati dopo che ieri sera un incendio è divampato alle porte del Centro di accoglienza dell’isola greca di Samos, uno dei primi approdi in Europa per chi arriva da Medio Oriente. Secondo le prime ricostruzioni della stampa greca, il rogo è legato a scontri tra profughi iniziati nel pomeriggio: otto persone sono state portate in ospedale. Da tempo le organizzazioni umanitarie denunciano il sovraffollamento del campo, dove la situazione è al collasso per l’altissimo numero di arrivi. Anche nell’isola di Lesbo le condizioni di vita sono al limite e sono di poche settimane le immagini di un vasto incendio nell’hotspot di Moria

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giappone, sale a 70 il numero delle vittime del tifone Hagibis: 16 i dispersi e oltre 200 i feriti

prev
Articolo Successivo

Siria, Trump firma le sanzioni alla Turchia e invia Pence ad Ankara. Erdogan: “Il mondo ci sostenga o si prenda i rifugiati”

next