Associazione a delinquere di stampo mafioso. Sono 23 le persone arrestate (18 in carcere e 5 ai domiciliari), su ordine del gip e richiesta della Dda di Napoli, nell’ambito dell’operazione condotta dai carabinieri e della Guardia di Finanza. Diciassette invece gli indagati per altri reati tra cui lo scambio elettorale politico-mafioso ritenute, in alcuni casi, “il braccio economico del nuovo clan Partenio”. Secondo gli inquirenti gli arrestati avevano ricostituito il clan Partenio sulle ceneri di quello comandato dalla famiglia Genovese, decapitato nel corso degli anni da inchieste e arresti della Dda. Il “Nuovo clan Partenio”, come lo hanno definito gli inquirenti, in parallelo con usura, estorsioni, traffico di droga, si avvaleva di un braccio economico-finanziario che aveva come riferimenti personaggi della politica e delle professioni. Tra i reati contestati a vario titolo la turbata libertà degli incanti, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio.

Nell’inchiesta è indagato anche Sabino Morano, imprenditore, segretario della Lega per la provincia di Avellino, la cui abitazione è stata perquisita al pari di altre 19 residenze private e studi professionali. Ad agosto l’uomo politico era stato fatto oggetto di intimidazioni attraverso l’incendio di alcune auto di sua proprietà parcheggiate sotto casa. Nei suoi confronti si ipotizzerebbe l’ipotesi di scambio politico-elettorale mafioso.

L’inchiesta è nata nel 2017 in seguito alle dichiarazioni rese da Francesco Vietri, condannato il 27 settembre scorso all’ergastolo per omicidio ed è stata accelerata da una serie di episodi avvenuti ad Avellino nelle scorse settimane: anzitutto l’ordigno esploso nell’auto di Sergio Galluccio, imprenditore della ristorazione, a sua volta zio di uno degli arrestati, Elpidio Galluccio. A pochi giorni di distanza vennero colpite da sventagliate di mitra le auto dell’ex consigliere comunale della Lega, Damiano Genovese, e di suoi familiari. Genovese è il figlio di Amedeo, che sta scontando l’ergastolo al 41bis, considerato il fondatore insieme al cugino Modestino del vecchio clan camorristico. L’escalation si concluse con l’aggressione all’assessore alla Sicurezza del Comune di Avellino, Giuseppe Giacobbe. Particolarmente fiorenti i profitti che il clan ricavava dall’usura (un milione di euro da 14 episodi accertati) e dalle estorsioni, almeno sette, due delle quali a danno di imprese edili.

Le indagini dei carabinieri di Avellino sono iniziate nell’estate del 2017 dopo le dichiarazioni rilasciate durante un interrogatorio per un’indagine per sequestro di persona. Gli investigatori
documentato anche il rito del bacio sulle labbra, tipico degli affiliati alle organizzazioni camorristiche e mafiose. La scena, che si è poi ripetuta altre volte, è stata registrata la prima volta il 7 settembre 2017.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, blitz contro la cosca Iozzo-Chiefari: 17 arrestati tra cui i responsabili di un duplice omicidio avvenuto nel 2009

prev
Articolo Successivo

Foggia, l’ombra dei clan sui servizi cimiteriali: interdittiva antimafia a società che li gestisce. Uno dei soci è il cugino del boss Trisciuoglio

next