Costretta a svolgere compiti a casa e a pagare pizze sotto minaccia: se non lo avesse fatto, sarebbe stata diffusa la sua foto a luci rosse, salvata nel telefono di uno dei due ricattatori. Per questa vicenda sono finiti al processo due ragazzi di vent’anni, con l’accusa di avere sottoposto una compagna di scuola a un ricatto sessuale. La causa è cominciata la mattina del 3 ottobre davanti al giudice Federica Gallone. I due imputati sono assistiti dagli avvocati Costanza D’Ormea, Antonio Mattiale e Massimiliano Peiretti.

Tutto è iniziato il 17 giugno 2017: la vittima, una ragazza ora 21enne, aveva avuto un rapporto sessuale con uno dei due ragazzi nei bagni di un istituto professionale di Torino. Quest’ultimo le aveva scattato la foto poi utilizzata nei mesi successivi per minacciarla. A causa di quanto accaduto, la ragazza ha avuto difficoltà nel rendimento scolastico ed è stata bocciata prima dell’esame di maturità. La famiglia si è costituita parte civile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, svelato il progetto di Boeri sul luogo del crollo del Ponte Morandi. L’architetto: “Un parco attrazione per tutto il mondo”

next
Articolo Successivo

Pignatone in Vaticano, la scelta di un pm antimafia non si improvvisa in poche ore. Papa Francesco manda un chiaro segnale

next