di Andreina Fidanza

Ha esultato come se i suoi New York Yankees si fossero aggiudicati per la 28esima volta nella storia il titolo delle World Series. Donald Trump, a seguito della decisione dell’organizzazione mondiale del commercio (Wto) che ha stabilito che gli Usa potranno imporre dazi ai prodotti europei per gli aiuti illegali concessi al consorzio aeronautico Airbus, ha evidenziato che i 7,5 miliardi di dollari (equivalenti a 6,8 miliardi di euro) di compensazione siano stati una vittoria di tutta l’America nei confronti del mondo intero (“it was a big win for the United States”), esclamando a pieni polmoni: not bad.

Affermazioni, durante la conferenza stampa nella East Room della Casa Bianca, che si sono scontrate con la risposta immediata dei mercati finanziari, che da Londra a Milano passando per New York hanno letteralmente rifiutato la decisione presa dall’organizzazione internazionale con sede a Ginevra: Londra -2,6%, Parigi -2,2%, Francoforte -1,8%, Madrid e Milano –2,8%, Dow Jones -1,14%, Nasdaq -1,19%, S&P 500 -1,18%.

A questi si sono aggiunti – dodici ore dopo – i numeri espressi dalle borse asiatiche (Cina esclusa per il 70esimo anniversario della fondazione della Repubblica popolare), anch’essi in territorio decisamente negativo (Tokyo -2%) e soprattutto le dichiarazioni giunte da ogni parte del globo terracqueo sulla complicatissima condizione che si è venuta a creare.

La conferma di eventuali ripercussioni made in Europe, poche ore prima del verdetto, è arrivata dalla portavoce capo della Commissione, Mina Andreeva: “Abbiamo continuato a dire agli Usa che siamo pronti a lavorare con loro a una soluzione equa ed equilibrata per le rispettive industrie aeronautiche. Siamo tuttora pronti e disponibili a trovare un accordo equo, ma se gli Usa decideranno di applicare contromisure autorizzate, l’Ue farà la stessa cosa“.

In pratica l’unico che ha espresso soddisfazione per quanto avvenuto è stato colui che, infischiandosene dell’attuale situazione economica planetaria, ha pensato ancora una volta, per l’ennesima volta, al proprio tornaconto personale, ponendo lo sguardo verso l’obiettivo delle elezioni negli Stati Uniti del 2020 e cercando di distogliere l’attenzione mediatica dallo scandalo Kievgate, quest’ultimo sottolineato dal Washington Post: “le agenzie federali sono sempre più costrette a perseguire i suoi interessi politici, investigare sui suoi nemici e legittimare le sue teorie sulle elezioni del 2016″.

Cosa accadrà da qui al 18 ottobre, data in cui dovrebbero diventare applicativi i dazi, non è dato sapere: a oggi rimane però la certezza che mercati finanziari e leader mondiali non abbiano preso bene né la decisione della Wto né le affermazioni di Donald Trump, con l’inquilino della Casa Bianca sempre più arroccato a quella filosofia sovranista che in America come in Europa non ha fatto altro che alzare muri, chiudere porti, isolare le economie e creare, a prescindere dal luogo, il “Salvini” di turno.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nato, “via libera a F35 italiani per la difesa aerea”. Sei aerei schierati in Islanda

prev
Articolo Successivo

Iraq, proteste contro carovita e disoccupazione a Baghdad e nel centro-sud: 25 morti, tra cui un bambino. Esplosione nella Green Zone

next