Indagati per abuso d’ufficio e falso ideologico, il Sindaco di Trani, Amedeo Bottaro, 6 assessori o ex assessori della sua Giunta, il responsabile dell’ufficio legale ed il dirigente al patrimonio del Comune di Trani. Lo si è appreso stamane dopo che la notifica della chiusura delle indagini preliminari è stata notificata agli indagati. L’inchiesta partita da un esposto del movimento civico Trani a Capo che ha due consiglieri comunali, riguarda un presunto vantaggio patrimoniale illecito di 60mila euro concesso con una delibera di Giunta e pareri favorevoli a vantaggio di un privato che ha in concessione una proprietà comunale adibita a ristorante. Ristorante noto in Città nel quale (come si evince dalle intercettazioni) abitualmente pranzavano i giudici Savasta e Nardi, oggi a processo a Lecce per corruzione. Il Sindaco di Trani è già indagato dalla Procura di Trani per analoghi reati (abuso e falso in concorso) riguardanti le vicende legate al Trani calcio ed all’imprenditore Giancaspro di Bari, nell’inchiesta denominata “Chiavi della Città”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tangenti Lombardia, chiuse le indagini per 71: “Tatarella corrotto pure coi biglietti dei Coldplay e di Juventus-Real Madrid”

next
Articolo Successivo

Aemilia, i giudici: “Clan rafforzato dal viaggio a Cutro dei candidati sindaco di Reggio. Non dissero che i voti mafiosi non erano graditi”

next