Alle nove di mattina Piazza della Repubblica, luogo di inizio dello sciopero dei ragazzi romani, era già gremita all’inverosimile. Una folla di ragazzini e ragazzi, pochi gli adulti, arrivati a gruppetti quasi tutti con i mezzi pubblici. Alcuni giustificati dalla scuola, altri no: dai racconti si capisce che la circolare del ministro Fioramonti è stata recepita a macchia di leopardo; ma non importa, loro sono lì. Il fiume di studenti percorre via Cavour per arrivare a piazza Venezia. Il clima è allegro, gruppi di ragazzini saltano al grido di “Siamo più felici, prendiamo la bici”, ma anche “Più benzina, la fine si avvicina”. Nei cartelli si scatena l’ilarità, declinata in romanesco: “Vacce te su Marte”, “Daje Greta”, “Ahò, ma lo volemo salvà ‘sto pianeta?”, “Sta a schiumà”, “Stò a fa la colla”, “Sciopero dei taxi, annamo a fette”.

Altri giocano con ironia sul sesso: “I want a hot boyfriend not a hot planet”, ma anche “Più sesso orale meno riscaldamento globale” , “Fuck me, not the planet”. A intervistarli, in realtà, si scopre che sono spaventati, anche se spesso non sanno dire esattamente di cosa o quali siano le conseguenze del riscaldamento globale che più temono. Avvertono una minaccia vicina, e insieme, quasi tutti, sono angosciati dal fatto che del tema si parli poco e che gli adulti non lo considerino nella sua urgenza. Difendono Greta da ogni critica con parole semplici – “Ha detto cose ovvie, sensate, come si fa a criticarla?” e di politica non sanno, né voglio sapere, quasi nulla. Qui, almeno a Roma, in piazza c’è la sensazione che il problema del riscaldamento globale sia enorme ma che serva ancora urlare per cambiare la testa dei legislatori. Eppure il cambiamento è già qui e ora: fine settembre, trenta gradi, stare al sole è temerario. Ma come dice una giovane ragazza: “Io non posso votare, posso solo sfilare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Friday for Future, il sit-in solitario del piccolo Potito a Stornarella (Foggia): è l’unico bimbo in piazza. Il governatore Emiliano: “Un eroe”

next
Articolo Successivo

L’emergenza climatica è anche in Italia. Ecco quattro punti da attuare subito

next