Un uomo è stato travolto e ucciso mentre era alla guida del suo camion, nel piazzale dello zuccherificio Coprob di Minerbio, in provincia di Bologna. L’allarme è scattato subito, ma il 118 non è riuscito a salvare la vittima, Rachid Nfir, 47enne di origine marocchine. L’uomo che l’ha investito è stato arrestato per omicidio volontario: si tratta di Rocco Giulio Capria, 51 anni, nato a Impera e residente a Rosarno (Reggio Calabria), sottoposto anche agli accertamenti alcolemici. La misura è stata eseguita nel pomeriggio dai carabinieri, in accordo con il Pm di turno in Procura Mariangela Farneti.

Già nelle ore precedenti, i primi accertamenti delle forze dell’ordine avevano escluso che il fatto fosse di carattere accidentale, ma non era ancora chiaro se l’uomo avesse voluto realmente uccidere Nfir o se la situazione fosse degenerata e le conseguenze fossero andate oltre le sue intenzioni. I due, poco prima, erano stati visti litigare in modo violento. Inoltre, alcuni testimoni – racconta Il Resto del Carlino – avrebbero visto l’investitore travolgere la vittima di proposito.

Rachid Nfir era nato in Marocco ma viveva da tempo a Cittanova di Reggio Calabria con la moglie e tre figli piccoli. Lavorava per una ditta di trasporti e dal Sud trasportava barbabietole allo zuccherificio di Minerbio: lo stesso lavoro del collega che lo ha travolto con il proprio camion. Nel piazzale dove si è verificato il fatto i carabinieri hanno anche trovato una mazza, buttata a terra vicino ai due veicoli. Con questa, secondo testimoni, l’uomo arrestato aveva minacciato la vittima. Un primo litigio fra i due sarebbe avvenuto ieri 26 settembre, a quanto pare scoppiato per questioni di natura stradale durante la consegna delle merci. La mattina seguente un altro scontro, prima dell’aggressione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sergio Bramini, l’imprenditore è ancora consulente del governo. Ma lancia petizioni online per cambiare la “sua” legge

prev
Articolo Successivo

Migranti, l’Italia è il terzo Paese europeo per numero di stranieri regolarmente residenti: diminuiscono ingressi per motivi di lavoro

next