Casco in testa e pantaloni bianchi. Così, armato di pistola, un sicario la notte tra il 16 e il 17 maggio scorso è entrato nel cortile dell’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli ed ha aperto il fuoco sulla folla. Ha sparato ad altezza uomo mentre i pazienti fuggivano. Un video, diffuso oggi dai Carabinieri di Napoli, ricostruito grazie alle telecamere del presidio e a quelle della videosorveglianza, riprende i momenti principali del fatto: l’arrivo dell’uomo a bordo di un motorino e poi il tentativo di nascondere la pistola su un balcone.

Proprio ieri, grazie alle indagini dell’Arma, è stato possibile arrestare i responsabili del gesto: si tratta Giuseppe Iaselli, di 19 anni, Vincenzo D’Avino, di 22 anni e Arturo Picco di 30 anni. Tutti sono accusati, a vario titolo, di tentato omicidio, lesioni personali gravi e detenzione e porto illegale di armi comuni da sparo, con l’aggravante del metodo mafioso. Il provvedimento cautelare è stato emesso grazie a una intensa ed articolata attività di indagini, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. I militari hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza per il ferimento di Vincenzo Rossi, avvenuto in piazza Matilde Serao sempre 17 maggio scorso, e per la successiva esplosione di colpi d’arma da fuoco all’interno dell’Ospedale Vecchio Pellegrini.

In particolare secondo le ricostruzioni, Iaselli ha “gambizzato” Rossi, con il quale era in sella allo stesso motorino, per poi fuggire nei vicoli dei Quartieri Spagnoli. D’Avino e Picco sono invece gli autori della sparatoria all’interno dell’ospedale partenopeo. Inquadrati dalle telecamere, i due si sono camuffati, hanno prelevato una pistola e reso illeggibile la targa del ciclomotore utilizzato per l’azione di fuoco. Dopo la sparatoria, tra le vie dello stesso quartiere, si sono liberati degli indumenti utilizzati e hanno occultato la pistola in un nascondiglio, il balcone visibile nel video, appunto. Le indagini hanno permesso poi di considerare gli eventi collegati a un sodalizio camorristico che gestisce il traffico di stupefacenti nei Quartieri Spagnoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, allo Zen la processione si inchina davanti alla stazione dei carabinieri

next
Articolo Successivo

Como, trovata morta nel bosco e avvolta in un sacco a pelo una donna di 48 anni. Confessa il compagno

next