Sono da tempo lontani dalle dalle scene, ma continuano a fare musica. Per la prima volta con un intero album insieme. Mina e Fossati hanno firmato in tutto undici inediti: scritti e composti dal cantautore, cantati dalla Tigre di Cremona. “Nessun musicista sano di mente direbbe no a Mina” ha detto Fossati, a proposito di questo progetto e della sua amicizia con la cantante. E in effetti lui una canzone per lei l’aveva già scritta, ‘E non finisce mica il cielo’, ma alla fine andò a Mia Martini che la portò al Festival di Sanremo nel 1982.

L’album – dal titolo semplice ma eloquente, Mina Fossati uscirà il 22 novembre, per Sony Music. I profili dei due autori, in bianco e nero, sono in copertina. Ma entrambi continuano a voler tenere la propria immagine lontana dai riflettori. Un ritorno sul palcoscenico, quindi, rimane impensabile, come precisa lo stesso Fossati: “Dopo otto anni la mia decisione non cambia: non torno a fare dischi né concerti, ma per niente al mondo mi sarei negato la gioia di scrivere questo album”. Il pre-order della versione Cd Standard Digipack è disponibile da oggi, 24 settembre. Da domani sarà disponibile online la versione Cd Deluxe Hardcover Book.

Il cantautore genovese si era ritirato dalle scene dopo la pubblicazione dell’album Decadancing, nel 2011: “Quello da cui io mi sto staccando è il mestiere della discografia, però nessun artista può staccarsi dall’amore per la musica” aveva detto “Continuerò a studiare, continuerò a suonare, continuerò ad ascoltare la musica degli altri. Non abbandono le scene per stanchezza, ma per curiosità”. L’addio alle scene di Mina, invece, risale al 1978. Anche lei, da allora, ha continuato a fare musica: l’ultimo album, Maeba, ha vinto il disco d’oro nel 2018.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Springsteen on Broadway è più di uno spettacolo, è una seduta psicanalitica

prev
Articolo Successivo

Beatles, Abbey Road compie 50 anni. E noi lo celebriamo

next