“Vorrei non parlare dell’ex ministro dell’Interno, vorrei che iniziasse il giusto silenzio su di lui. Il silenzio su questa persona è un atto di responsabilità“. Lo ha detto il fondatore di Emergency, Gino Strada, ospite della festa delle Giornate del lavoro organizzate della Cgil a Lecce. “Prima si trattava di un ministro e un vicepresidente del consiglio e l’attenzione dei media era in qualche modo dovuta. Ma ora non è più obbligatorio a parlare di lui, ed è bene così”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regionali Umbria, passo indietro di Di Maolo: non sarà la candidata di M5s e Pd. Rinuncia anche Proietti: “Resto sindaca di Assisi”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Umbria, candidato di M5s e Pd è presidente Federalberghi. Di Maio: “È la persona giusta”. Zingaretti: “Nome forte”

next