“Il vostro interesse mi onora e mi commuove”. Viktor Orban è sul palco di Atreju, ospite d’onore della festa di Fratelli d’Italia. Accolto da cori da stadio e grandi applausi, il primo ministro ungherese attacca la sinistra e avverte l’Italia: “In Italia il governo si è separato dal popolo. Sta prendendo piede una nuova offensiva della sinistra, arrivano nuovi leader e vecchi quadri come Renzi e Gentiloni”. Orban scherza su Giorgia Meloni che ha abbracciato poco prima di salire sul palco regalandole un mazzo di fiori: “La vostra presidentessa Meloni in Ungheria sarebbe al centro, io sono più a destra di lei”. In oltre un’ora di discorso, il leader della destra ungherese cita Silvio Berlusconi (“è un mio amico”) mentre non si sofferma su Matteo Salvini, vero convitato di pietra. orban parla del segretario della Lega sono en passant , quando affronta il tema dei migranti: “Per la sinistra i migranti sono futuri elettori, sono persone che importano e a cui dare la cittadinanza per averne il voto…ci sono paesi che hanno fatto fronte comune come Austria e Italia con Salvini, ma ora mi pare di capire che il governo si è separato dal popolo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Rizzo (Pc): “M5s dice di non essere né di destra, né di sinistra, ma in realtà è ‘Franza o Spagna, purché se magna’”

prev
Articolo Successivo

Viareggio, la lettera del sindaco agli altri primi cittadini toscani: “Io amico di Grillo mi batto per accordo civico Pd-M5s per le regionali”

next