Lesioni aggravate, resistenza a pubblico ufficiale, ma anche danneggiamento e imbrattamento. Con queste accuse la Polizia di Torino ha eseguito 14 misure cautelari: tre in carcere e 11 divieti di dimora. I destinatari sono i militanti anarchici, non solo torinesi, che lo scorso 9 febbraio hanno creato disordini nel capoluogo piemontese, durante la manifestazione di protesta per lo sgombero e il sequestro, avvenuti due giorni prima, dello storico centro sociale Asilo. Sono state eseguite anche 17 perquisizioni.

Il blitz della Digos è scattato all’alba e ha visto la collaborazione anche delle questure di Milano, Ravenna, Sassari, Trento e Cuneo. L’operazione è avvenuta contemporaneamente in tre regioni: Piemonte, Lombardia e Sardegna. I tre militanti arrestati sono Federico Daneluzzo, 23enne di Como, Patrik Bernardone, 24enne di Torino e una terza persona ancora non rintracciata, mentre gli altri 11 anarchici, che hanno il divieto di dimora a Torino, sono di Sassari, Savona, Livorno, Ravenna, Torino, della Svizzera, della Slovacchia e della Serbia.

Durante il corteo, al quale avevano partecipato circa 1000 attivisti, erano avvenuti incidenti e lanci di petardi. Circa 5oo persone, poi, molte con il casco e il volto coperto avevano devastato il centro città, rovesciando cassonetti e lanciando pietre, colpendo anche numerose vetrine, nel tentativo di riconquistare il locale occupato, attaccando le forze dell’ordine. Negli scontri rimasero ferite quattro anarchici, tre in modo non grave e uno ricoverato in codice rosso e 17 agenti. Undici i fermi già avvenuti durante la stessa protesta nei confronti di militanti provenienti da Milano, Cagliari, Brescia, La Spezia, Bolzano, Frosinone, Varese, Udine e Torino. Gli arrestati di quel giorno erano stati tutti sottoposti a obbligo di firma.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, cade finestra in classe e colpisce quattro studenti, feriti in modo lieve. La preside: “Servono più soldi per la sicurezza”

next
Articolo Successivo

Sicilia, 14 milioni per i piccoli borghi del Ventennio. Ma nei paesi vicini mancano le strade: “10 chilometri per uscire dall’isolamento”

next