Prima l’esplosione, poi l’incendio, con fiamme alte anche dieci metri. È accaduto a Trezzano sul Naviglio, alle porte di Milano, dove ad andare a fuoco è stata la fabbrica Tree of Light, che produce infiorescenze di canapa con principi attivi entro i limiti di legge. Sono rimasti feriti il titolare della ditta Giuseppe Palumbo, di 26 anni, il fratello Sergio di vent’anni e il padre. I due fratelli hanno riportato ustioni diffuse su tutto il corpo e sono stati trasportati in codice rosso all’ospedale di Niguarda e al San Gerardo. Secondo quanto riferito dai soccorritori, il più giovane ha un quadro clinico disperato. I vigili del fuoco hanno confermato che durante la lavorazione dei prodotti sono esplose bombolette a gas.

L’incidente si è verificato poco prima delle 16. Sul posto sono arrivati un’eliambulanza (che ha trasportato il ferito in condizioni più gravi), due automediche e altri 5 mezzi del 118, oltre ai vigili del fuoco. In un paio d’ore i vigili del fuoco hanno spento le fiamme divampate, secondo i primi accertamenti, dopo l’esplosione di un serbatoio di gas.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nuoro, tentata violenza sessuale durante la “Notte bianca”: individuato e indagato l’aggressore

prev
Articolo Successivo

Terremoto in Emilia, dopo sette anni riapre il duomo di Mirandola: 6 milioni per ricostruirlo

next