iPhone 11, iPhone 11 Pro, iPhone 11 Pro Max e Apple Watch Serie 5 sono ufficialmente disponibili in commercio da oggi. Chi ha prenotato uno dei nuovi dispositivi il 10 settembre (data dell’annuncio) li riceverà a breve, perché le spedizioni sono state avviate. Chi ha preferito attendere di poterli acquistare direttamente lo può fare da oggi, in tutti gli Apple Store, sul sito ufficiale del produttore o presso altri canali fisici e online. Tutti i nuovi iPhone avranno direttamente installato il sistema operativo iOS 13.

iPhone 11

Riepiloghiamo modelli e prezzi per chi non ha ancora le idee chiare sul modello da acquistare. iPhone 11 è l’opzione più “economica” della gamma. È disponibile in tre allestimenti, che si distinguono per l’ammontare dello spazio di archiviazione: 64 GB, 128 GB e 256 GB di memoria. I prezzi sono rispettivamente di 839 euro, 889 euro e 1.099 euro. Si può scegliere fra le colorazioni bianco, nero, verde, giallo, viola e rosso. In tutti i casi lo schermo è un modello Liquid Retina da 6,1 pollici, e la dotazione include due fotocamere posteriori da 12 MP e una fotocamera frontale di pari risoluzione.

iPhone 11 Pro

iPhone 11 Pro si distingue dagli iPhone 11 perché offre un pannello OLED da 5,8 pollici con risoluzione di 1125 x 2436 pixel e un comparto fotografico con tre fotocamere posteriori. I prezzi sono di 1.189 euro per la versione con 64 GB di memoria interna, 1.359 euro per 256 GB di memoria e 1.589 euro per 512 GB di memoria interna. Sono disponibili le varianti cromatiche grigio siderale, argento, verde notte e oro.

iPhone 11 Pro Max

iPhone 11 Pro Max è il top di gamma di casa Apple, e di conseguenza quello più costoso. È anche il più grande per dimensioni, dato che installa uno schermo OLED da 6,5 pollici con risoluzione di 1242 x 2688 pixel. Viano alle cifre da investire: 1.289 euro per la versione da 64 GB, 1.459 euro per quella da 256 GB e 1.689 euro per il modello con 512 GB di spazio di archiviazione.

iPhone in permuta

Per la prima volta Apple offre la possibilità di dare in premuta un vecchio iPhone per acquistare quello nuovo a un prezzo inferiore a quello di listino. I valori di permuta dipendono dalle condizioni del dispositivo che si restituisce, dal suo anno di fabbricazione e dalla sua configurazione. Un iPhone Xs Max, per esempio, potrebbe far risparmiare fino a 500 euro.

È possibile dare in permuta le generazioni precedenti fino a iPhone SE. Per i modelli più datati, l’utente può richiedere il “Riciclo” in modo che le vecchie apparecchiature possano essere ritirate per essere riciclate responsabilmente. Disponibile il ritiro a domicilio.

Apple Watch Serie 5

Il Watch Serie 5 è il prodotto che ha entusiasmato meno durante la presentazione del 10 settembre perché non presenta novità sostanziali rispetto ai predecessori. L’unico aspetto rilevante è l’arrivo della funzione Always-On-Display per lo schermo Retina. Più che altro le innovazioni hanno riguardato i materiali.

I prezzi variano a seconda della grandezza della dimensione della cassa e dei materiali scelti. Il prezzo di partenza per Apple Watch Serie 5 40 mm con cassa in alluminio è di 459 euro (489 euro con cassa da 44 mm). Mentre per la versione con cassa in acciaio inossidabile bisogna sborsare 759 euro (40 mm) e 809 euro (44 mm). La cassa in titanio ha un prezzo minimo di 859 euro. Il nuovo top di gamma con cassa in ceramica bianca ha prezzi a partire da 1.409 euro. Per quanto riguarda le versioni speciali, Nike Sport ha prezzi da 459 euro, mentre l’allestimento Hermés è accessibile a pochi: costa 1.369 euro minimo.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polo scientifico internazionale di Frascati incassa i finanziamenti europei, 1500 nuovi posti di lavoro

next
Articolo Successivo

Google Maps testa la navigazione in incognito, presto potremo viaggiare senza lasciare tracce

next