Renzi e il suo nuovo partito? Ha fregato Zingaretti, perché di fatto gli ha fregato un paio di ministri e dei sottosegretari. Non ha certo fregato noi del M5s, se è vero che sosterrà il governo Conte bis. Lo dico sinceramente: io non mi fido né del Pd, né di Renzi, né ovviamente della Lega“. Sono le parole del sottosegretario M5s agli Esteri, Manlio Di Stefano, ospite di 24 Mattino, su Radio24.

E aggiunge: “L’unica cosa che mi interessa è che, alla fine della storia, in Aula ci siano i voti. Ricordo che in Parlamento siamo noi al 34% e non abbiamo mai detto che vogliamo stare al governo a tutti i costi. Se Renzi pensa di fare giochini di palazzo per sedersi al tavolo e avere un po’ più di peso specifico e di potere, noi un Matteo lo abbiamo appena lasciato a casa. Se Renzi vuole fare la stessa fine, si accomodi pure. Invito il Matteo nuovo – continua – all’accortezza e a ricordarsi che questo è il momento storico in cui si è fatto già un grande sforzo per evitare che estremisti e gente senza scrupoli né etici, né politici andassero al potere, come volevano. Quindi, è un momento in cui bisogna stare molto attenti a quello che si fa e soprattutto rispettare il presidente della Repubblica Mattarella e il presidente del Consiglio Conte, che ci ha messo la faccia nel rispetto di tutti”.

Circa l’incontro oderno tra Conte e il presidente francesce Emmanuel Macron, Di Stefano puntualizza: “I rapporti con la Francia non sono mai stati messi a rischio dal M5s, dopo l’incontro di Di Maio e di Di Battista coi gilet gialli. E’ successo semplicemente che in Francia qualcuno non ha gradito l’incontro con i gilet gialli che ai tempi non erano ancora quelli che spaccavano le vetrine per strada. Quando, infatti, hanno degenerato, ci siamo allontanati e li abbiamo allontanati pubblicamente con un comunicato. Ma abbiamo ricucito i rapporti con la Francia, anche grazie a Mattarella, a Conte e a Di Maio stesso, che ha incontrato più volte ministri francesi”.
Poi spiega: “L’obiettivo primario dell’incontro tra Conte e Macron è definire un quadro strutturale della gestione dei migranti. E il presidente Conte ha messo al centro anche un altro problema, e cioè che la quota di ripartizione dei migranti che spetta ai francesi non è rispettata“.

Battuta finale sulle dimissioni dell’ad di Altlantia Giovanni Castellucci, dopo la bufera scatenata dagli sviluppi dell’inchiesta sul crollo del ponte Morandi di Genova e a seguito delle misure cautelari a carico di alcuni dipendenti del gruppo accusati di aver manipolato alcuni rapporti sullo stato di salute di altri viadotti: “Questo dimostra che, mentre tutta Italia ci attaccava perché eravamo troppo avventati sulla questione autostrade, in realtà avevamo ragione. Già i primi report manifestavano come ci fossero delle piene incuranze e un chiaro tentativo dei Benetton di far sembrare tutto più normale di come fosse realmente. Non mi accontento delle dimissioni dell’ad Castellucci, perché questo è un caso gravissimo con 43 morti. Le concessioni delle autostrade vanno assolutamente cancellate e lo faremo. Rivedremo tutte le altre concessioni e da ora in poi chiunque prenda concessioni in Italia deve garantire un obbligo di percentuale di profitti da investire in manutenzione. Altrimenti è come affidare le porte della propria casa a un ladro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Arresti domiciliari per Diego Sozzani (FI), alla Camera il dibattito per l’autorizzazione a procedere. Segui la diretta

prev
Articolo Successivo

L’appello di Sozzani (FI) prima del voto: “Innocente. Distrutto dal punto di vista psicologico”. Poi esce dall’Aula

next