Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista hanno incontrato a Parigi due esponenti dei gilet gialli: Christof Chalencon e Ingrid Levavasseur. Insieme a loro anche alcuni eurodeputati M5s: Ignazio Corrao, Fabio Massimo Castaldo e Tiziana Beghin. Dopo vari tentativi falliti e contatti caduti nel vuoto, la delegazione 5 stelle è riuscita a incontrare gli esponenti del movimento di protesta che hanno deciso di correre alle prossime Europee. “Molte le posizioni e i valori comuni”, ha scritto il vicepremier M5s in una nota al termine dell’incontro, “che mettono al centro delle battaglie i cittadini, i diritti sociali, la democrazia diretta e l’ambiente”. In generale hanno parlato di un “clima di grande entusiasmo” e preannunciato un “nuovo incontro nelle prossime settimane a Roma”. Questa mattina il vicepremier M5s non ha partecipato al consiglio dei ministri che ha indicato Paolo Savona come presidente della Consob.

Chalencon e Lavavasseur sono i due leader che hanno scelto di presentare ufficialmente la lista Ric (Référendum d’initiative citoyenne, ovvero il referendum di iniziativa popolare) alle elezioni di maggio per Bruxelles. Non tutti dentro il movimento concordano con la decisione di candidarsi: Eric Drouet e Maxime Nicolle ad esempio, due degli altri esponenti più noti dei gilet, hanno invece scelto di continuare con le proteste di piazza. Molti esponenti della lista Ric, tra cui la stessa Lavavasseur, sono accusati di essere vicini a En Marche di Macron (ex elettori o simpatizzanti) e vengono criticati dagli stessi gilet gialli. Il M5s da settimane chiede un contatto con i francesi perché possano lavorare insieme al prossimo gruppo al Parlamento Ue.

Di Maio nel pomeriggio ha pubblicato una foto della delegazione che ha incontrato i 5 stelle: “Questa”, ha scritto su Facebook, “è la foto ricordo di questo bell’incontro, il primo di tanti, in cui abbiamo parlato dei nostri Paesi, dei diritti sociali, di ambiente e di democrazia diretta. Il vento del cambiamento ha valicato le Alpi. Ripeto. Il vento del cambiamento ha valicato le Alpi“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Diciotti, convocata Giunta per le immunità: Salvini presenterà memoria. M5s: “Ancora nessuna decisione”

next