Un’esplosione come quella già avvenuta nello stesso stabilimento il 1 dicembre 2016. Ad andare in fiamme è l’isola 7 della raffineria Eni di Sannazzaro dè Burgondi in provincia di Pavia dove stamattina alle 6.35 si è sviluppato un incendio. Non ci sono feriti. Dalla raffineria è alzata una lunga colonna di fumo e sul posto sono arrivate le squadre interne anti incendio vigili del fuoco, forze di polizia e tecnici dell’Ats per iniziare il monitoraggio dell’aria. “L’allarme sta rientrando – ha scritto il Comune sul sito – nessun ferito, tutto sotto controllo. Alle ore 6,35 circa – si legge ancora – , sì è sentito un forte boato in Raffineria. Abbiamo attivato le procedure interne comunali (PEC). È stato attivato l’allarme interno Eni e ora sta rientrando. Vi terremo aggiornati”. L’impianto era fermo per un intervento di manutenzione programmata. Il boato di è sentito anche a chilometri di distanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juventus, violenze, intimidazioni agli steward e tifosi costretti a lasciare i loro posti: come gli ultras imponevano la loro “forza intimidatrice”

prev
Articolo Successivo

Acqua Lete, blocco e richiamo di lotto Sorgesana per rischio microbiologico

next