Di Maio è evidentemente disperato e supplica il Pd per evitare che M5S possa sparire anche in quella regione. Fortunatamente i cittadini umbri potranno votare, a differenza degli altri Italiani, e quindi chi ha preferito la poltrona alla dignità ha le ore contate. Pd e M5S non possono scappare dai cittadini per sempre. Dopo 50 anni di sinistra, in Umbria c’è voglia di cambiare: non c’è trucco di palazzo che possa evitarlo”. Ha detto Matteo Salvini parlando con i cronisti prima di salire sul palco di Pontida per il raduno leghista. Ha poi parlato del sistema elettorale, invocando un referendum per il maggioritario: “Basta partitini che tengono in ostaggio il Paese, con il 3-4%. Gli italiani vogliono chiarezza. Quindi avanti con il referendum. Nei prossimi mesi avremo un governo del popolo contro il governo delle poltrone. Serve una legge elettorale che dice che chi vince governa. Mentre gli altri lavorano all’inciucio, nei prossimi mesi ci sarà il governo del popolo che farà quello che non farà il governo del palazzo. Quindi, chiamiamo a raccolta milioni di italiani per darci una mano”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pontida, Gad Lerner insultato dai leghisti: “Ebreo, comunista, straccione, tornatene a casa”

prev
Articolo Successivo

Regionali, Di Maio: “Giunta civica per l’Umbria, i partiti facciano passo indietro”. Pd e Leu: “Siamo pronti al confronto”

next