Caos a Roma lungo le linee della metropolitana. Alcuni passeggeri questa mattina sono stati fatti scendere a piedi in una delle gallerie della linea B. La segnalazione arriva direttamente dalle persone che erano a bordo dei vagoni, i quali hanno riferito che l’evacuazione è avvenuta a causa di problemi tecnici. Il treno si è fermato tra la fermata Circo Massimo e quella del Colosseo, tra le più frequentate anche dai turisti.

Per raggiungere la fermata dell’anfiteatro romano, i passeggeri hanno appunto dovuto percorrere centinaia di metri sottoterra, guidati solo dalle luci di emergenza. Secondo quanto riferito dall’Atac su Twitter la linea è interrotta tra Basilica San Paolo e Castro Pretorio, vale a dire per 8 fermate, tra cui anche lo snodo centrale di Termini. L’azienda fa sapere, inoltre, di aver introdotto un servizio navetta suppletivo.

Problemi anche lungo la metro A. A Termini per quasi due ore banchine e scale mobili sono rimaste al buio per alcuni problemi all’impianto di illuminazione. La luce è stata poi ripristinata e nel mentre sono state attivate le luci d’emergenza. La stazione, comunque, come specifica l’Atac, è rimasta regolarmente attive.

Proprio ieri quattro dirigenti, della stessa municipalizzata e di Metro Roma, sono stati sospesi dal loro incarico nell’ambito dell’inchiesta sui guasti avvenuti a ottobre 2018 alle scale mobili di due delle stazioni principali della linea A: Repubblica e Barberini. Secondo le indagini ci sarebbero state manomissioni volontarie e deliberate per evitare costi di manutenzione degli impianti di traslazione nelle metropolitane di Roma e penali da parte del committente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, arrestati 3 tecnici Autostrade e 6 sospesi: “Falsi report sulle condizioni dei viadotti anche dopo il crollo a Genova”

next
Articolo Successivo

Sesto San Giovanni, le tolgono lo stomaco “per errore”: due chirurghi a processo per lesioni colpose. Pm: “Esami mal interpretati”

next