Vilipendio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. È il reato per cui rischia di finire sotto processo il generale dei carabinieri in congedo ed ex parlamentare, Antonio Pappalardo. Il pm di Roma Sergio Colaiocco ha chiesto il rinvio a giudizio per Pappalardo nella sua veste di presidente del Movimento Liberazione Italia e portavoce del Movimento 9 dicembre-Forconi, per una vicenda che risale al 2017.

Per la Procura il generale 73enne – abituato a dichiarazione spesso sopra le righe – ha offeso l’onore e il prestigio del presidente della Repubblica che definì “un usurpatore” arrivando a tentare di notificare al Quirinale, il 21 dicembre del 2017, “un verbale d’arresto a suo carico” per il reato di “usurpazione del potere politico”. Sempre la Procura di Roma ha chiesto un secondo processo per Pappalardo per il reato di istigazione a commettere arresto illegale. In questo caso l’indagato invitò le forze dell’ordine ad arrestare membri del governo e parlamentari che riteneva non legittimati dopo una sentenza della Consulta del 2014 che si era espressa sulla incostituzionalità del Porcellum, la legge elettorale vigenti all’epoca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi russi alla Lega, a Savoini una consulenza da 2.600 euro al mese con soldi pubblici della società della Regione Lombardia

next
Articolo Successivo

Autostrade, il gip: “Tentativi di inquinamento probatorio. Pc bonificati e usati disturbatori di frequenza per evitare le intercettazioni”

next