Rieccolo. Salvatore Nastasi torna a lavorare al ministero dei Beni culturali.Come annunciato dal Fatto Quotidiano, Dario Franceschini lo ha nominato Segretario generale del dicastero che è a sua volta appena tornato a guidare. A renderlo noto è il comunicato stampa del Consiglio dei ministri, il secondo da quando esiste il governo Pd-M5s.

Sempre oggi è stata decisa la nomina a comandante in capo della squadra navale dell’ammiraglio Paolo Treu, nonché il conferimento delle funzioni di direttore della Direzione armamenti navali all’ammiraglio Massimo Guma. A fare rumore, però, è soprattutto il cognome di Nastasi, praticamente il “signore” dello spettacolo dal vivo. Marito di Giulia Minoli, figlia di Giovanni e Matilde Bernabei è stato direttore generale, Commissario straordinario di governo del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, del Teatro San Carlo di Napoli dell’Arena di Verona, attuale vicepresidente della Siae e presidente annunciato della Fondazione del Maggio Musicale per volontà del sindaco Dario Nardella.

A nominarlo per la prima volta capo di gabinetto dei Beni culturali fu Sandro Bondi, ma poi Nastasi fu confermato in quel ruolo dai successori Giancarlo Galan e Lorenzo Ornaghi. Nastasi in pratica è passato dalla corte di Berlusconi al Giglio Magico. Sotto l’ex segretario del Pd è stato vicesegretario generale della Presidenza del Consiglio dei ministri e Commissario di governo per la bonifica e la riqualificazione di Bagnoli a Napoli. Dal 2017 al 2019 è stato anche Coordinatore per la Presidenza del Consiglio per l’organizzazione di Matera Capitale della Cultura 2019. Dal 2016 è presidente dell’Accademia nazionale d’Arte drammatica Silvio D’Amico di Roma. Dal 2018 è vicepresidente della Società Italiana degli Autori ed Editori (Siae) e (affiliatosi alla rete discreta del potere di un altro ex ministro dei Beni culturali, Massimo Bray) pure consigliere delegato di Treccani Reti Spa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, Borriello: “San Paolo? Polemica strumentale. Ancelotti non ha visto gli spogliatoi”

prev
Articolo Successivo

Sondaggi, ipotesi partito di Conte: piace al 21% degli elettori. Cresce M5s e crolla Lega, Pd secondo. Ma manca una maggioranza

next