La restaurazione di Dario Franceschini parte col botto: con l’offerta del Segretariato generale a Salvatore Nastasi. È la posizione centrale del Mibact, appena fornita di superpoteri dall’incauto Alberto Bonisoli: e sta ora per finire nelle mani più prensili tra quelle che si agitano nel vasto sottomondo dei Beni culturali. Il curriculum dell’ancor giovane (1973) Salvo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cernobbio si fa giallorosa: “Così vince l’europeismo”

prev
Articolo Successivo

Gualtieri, pazza idea: al Mef il boiardo Roberto Garofoli cacciato da Conte

next