“Il Ministero dei Trasporti era come la casa di Paperon de’ Paperoni abitata da anni dalla Banda Bassotti. Agli amministratori delegati concessionari delle autostrade dicevo: ‘Ora con me la solfa è finita. Se aumentate le tariffe mi incazzo‘. Loro si sono trovati di fronte un ragazzo normale della provincia di Cremona e hanno capito che le cose sono cambiate“. È il racconto che ha fatto Danilo Toninelli alla Ecofesta, a Sirmione, su parte dei suoi 14 mesi al Ministero delle Infrastrutture.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taglio parlamentari, ddl sarà esaminato dalla Camera dopo il 25 settembre. Calendario sarà fissato dopo la nomina dei sottosegretari

next
Articolo Successivo

Autostrade, Toninelli: “Legge per la revoca delle concessioni era pronta, Salvini non l’ha voluta”

next