“Il Ministero dei Trasporti era come la casa di Paperon de’ Paperoni abitata da anni dalla Banda Bassotti. Agli amministratori delegati concessionari delle autostrade dicevo: ‘Ora con me la solfa è finita. Se aumentate le tariffe mi incazzo‘. Loro si sono trovati di fronte un ragazzo normale della provincia di Cremona e hanno capito che le cose sono cambiate“. È il racconto che ha fatto Danilo Toninelli alla Ecofesta, a Sirmione, su parte dei suoi 14 mesi al Ministero delle Infrastrutture.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Di Maio: “Pd? Ero scettico, poi stupito positivamente. Salvini? E’ finita come quando vieni tamponato e l’altro dà la la colpa a te”

prev
Articolo Successivo

Autostrade, Toninelli: “Legge per la revoca delle concessioni era pronta, Salvini non l’ha voluta”

next