“Auspico che Conte guiderà la politica del governo con mano più ferma” rispetto al passato. “Vedo anche che sta nascendo un governo politico sulla base di un accordo politico”. Ora “la maggioranza e il governo hanno nelle loro mani il loro destino e possono poter far maturare qualcosa di nuovo nella politica italiana”. Lo ha detto Luigi Zanda, tesoriere Pd, intervenendo nell’aula del Senato per il dibattito sulla fiducia al Conte 2. L’intervento di Zanda ha poi puntato sul “tema dei temi, da cui discendono tutti gli altri”, ovvero la scelta del modello di democrazia. Il riferimento è alla piattaforma Rousseau e al modello della democrazia diretta sostenuto dal M5s. Zanda ha invitato alla prudenza, invitando a riflettere sul senso della democrazia rappresentativa e sul ruolo che ha avuto nella gestione della crisi innescata da Salvini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, l’appello di Bagnai ai colleghi travagliati: “Conte ambizioso e spregiudicato garante della continuità”

prev
Articolo Successivo

Commissione Europea, Von der Leyen nomina Gentiloni agli Affari economici dell’Ue

next