Scintille tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il gruppo della Lega durante il voto di fiducia al Senato per il nuovo esecutivo targato Pd-M5s-Leu. “Voleva i pieni poteri, è diventato suo nemico chiunque lo ostacoli”, è stato l’attacco del presidente del Consiglio. E ancora, verso il leader leghista ed ex ministro dell’Interno: “Incolpare gli altri dei propri errori è il modo per mantenere la leadership e togliersi le proprie responsabilità”. E ai leghisti che, in coro, insistevano nel gridare “dignità”, Conte ha ribattuto: “Poi con calma nelle prossime settimane spiegherete al Paese cosa ci sia di dignitoso in tutti i repentini voltafaccia che ci sono stati in poche settimane”. Parole che hanno scatenato la reazione veemente tra i banchi della Lega.
Ma non solo. Perché l’Aula si è accesa pure per le proteste dello stesso Conte per i continui stop al suo intervento causato dai brusii e dalle proteste leghiste. Tutto mentre parlava del caso affidi e Bibbiano, già oggetto di attacchi del Carroccio. A quel punto è stata la presidente del Senato Maria Casellati a chiedere a Conte di riferirsi a tutta l’Aula: così è stato il Pd a protestare in modo furente verso la seconda carica dello Stato.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Alex Schwazer è innocente”: Tuttosport annuncia la consegna di una nuova perizia che prova la manomissione del campione d’urina

prev
Articolo Successivo

Roma, Giuseppe Conte interviene alla festa di Fratelli d’Italia. Segui la diretta

next