Avevano chiesto gli arresti domiciliari ma il giudice per le indagini preliminari aveva rigettato la richiesta. Adesso i pm della procura di Reggio Emilia si oppongono alla decisione. Cinque indagati dell’inchiesta Angeli e Demoni, fra cui il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti, tornano al centro dell’indagine sugli affidi in Val d’Enza con l’accusa di abuso d’ufficio. A riportarlo è la Gazzetta di Reggio.

Venerdì 6 settembre davanti al tribunale della Libertà di Bologna, che si è riservato la decisione, il ricorso della procura per Carletti: nei suoi confronti e di altri quattro indagati era stata chiesta una misura cautelare, ma il Gip reggiano aveva rigettato la richiesta; di qui l’impugnazione dei pm. È invece fissato per il 16 settembre, sempre al tribunale della Libertà, il ricorso del difensore di Carletti, l’avvocato Giovanni Tarquini, contro gli arresti domiciliari disposti nell’inchiesta principale, dove Carletti è accusato di abuso d’ufficio e di falso ideologico, in virtù del suo ruolo di assessore ai Servizi sociali dell’Unione dei Comuni della Val d’Enza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi russi, il Tribunale del riesame: “Legittimi i sequestri a Gianluca Savoini”

next
Articolo Successivo

Napoli, Bonafede chiede verifiche su permesso premio a uno degli assassini del vigilante

next