“L’annuncio della parziale rivisitazione del decreto Sicurezza bis, sembra ritrovare la medesima insufficienza e genericità, poiché quelle norme, creando un contrasto insanabile con le norme internazionali, devono essere disapplicate. Se l’intervento demolitorio fosse minimale, sarebbe del tutto insoddisfacente, anche rispetto ai semplici ma fondamentali rilievi mossi dal presidente della Repubblica”. Lo ha detto Gregorio De Falco, senatore del gruppo Misto, nel corso del dibattito a palazzo Madama sulle dichiarazioni programmatiche del governo, rispetto alle quali, però, non ha puntualizzato se voterà a favore o meno.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Conte 2, si è risvegliata l’intelligenza della sinistra. E il problema non era il M5s

next
Articolo Successivo

Governo, l’appello di Bagnai ai colleghi travagliati: “Conte ambizioso e spregiudicato garante della continuità”

next