“L’annuncio della parziale rivisitazione del decreto Sicurezza bis, sembra ritrovare la medesima insufficienza e genericità, poiché quelle norme, creando un contrasto insanabile con le norme internazionali, devono essere disapplicate. Se l’intervento demolitorio fosse minimale, sarebbe del tutto insoddisfacente, anche rispetto ai semplici ma fondamentali rilievi mossi dal presidente della Repubblica”. Lo ha detto Gregorio De Falco, senatore del gruppo Misto, nel corso del dibattito a palazzo Madama sulle dichiarazioni programmatiche del governo, rispetto alle quali, però, non ha puntualizzato se voterà a favore o meno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Conte 2, si è risvegliata l’intelligenza della sinistra. E il problema non era il M5s

next
Articolo Successivo

Governo, l’appello di Bagnai ai colleghi travagliati: “Conte ambizioso e spregiudicato garante della continuità”

next