Nel giorno in cui Giuseppe Conte ha presentato la squadra dei ministri, i mercati confermano di vedere con favore l’alleanza giallorossa, molto più filoeuropea rispetto a quella tra M5s e Lega. E’ continuata infatti la discesa dello spread tra Btp e Bund, termometro del rischio Italia percepito dagli investitori, che a metà giornata si è ristretto a 147 punti per poi chiudere poco sopra i 150. Questo grazie al fatto che il rendimento del decennale italiano è sceso allo 0,81%, un nuovo minimo storico. Bene anche il versante azionario: ampiamente positiva Piazza Affari, con l’indice principale che ha chiuso in rialzo dell’1,58% e due soli titoli in rosso. Atlantia ha guadagnato il 5,9% tornando a valori che non vedeva da prima del crollo del Ponte Morandi.

Nei giorni scorsi esponenti della Commissione Ue uscente e diversi leader europei si sono detti soddisfatti per la nascita del nuovo esecutivo arrivando a promettere che Bruxelles farà tutto il possibile per “sostenerlo. Il primo banco di prova sarà il varo della legge di Bilancio per il 2020 con cui i giallorossi dovranno disinnescare le clausole di salvaguardia su Iva e accise oltre ad avviare i principali interventi previsti dal programma in 26 punti. E l’Europa in questa fase sembra disposta a concedere ulteriori spazi di flessibilità, visto che a novembre si insedierà la nuova Commissione presieduta da Ursula von del Leyen che nel suo primo discorso al Parlamento europeo ha anticipato di volere “un’economia al servizio del popolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Economia solidale e sociale, in Lombardia proposta di legge per sostenerla: raccolte 9mila firme

next
Articolo Successivo

Roberto Gualtieri, all’Economia arriva l’eurodeputato Pd paladino della flessibilità e degli Eurobond per finanziare gli investimenti

next