Si è sentito male mentre era in vacanza in barca, al largo dell’isola di Ischia. Malore per Cesare Previti, storico avvocato di Silvio Berlusconi e ministro della Difesa del primo governo di Forza Italia. Il legale, oggi 85enne, è stato operato d’urgenza nell’ospedale Rizzoli di Ischia per una occlusione intestinale. Secondo quanto si è appreso Previti si era sottoposto ad intervento chirurgico per una appendicite acuta, due settimane fa a Roma; da qualche giorno si trovava in vacanza in barca e, giunto al largo dell’isola, ha avuto forti dolori addominali tali da consigliare lo sbarco ed il ricovero nel nosocomio isolano.

É stato assistito inizialmente al Pronto Soccorso, poi trasferito nel reparto di Chirurgia; dopo un consulto con il suo medico di fiducia è stata quindi decisa l’operazione eseguita dall’equipe guidata dal primario Alberto Marvaso coadiuvato dal dottor Pizza, che ha inizialmente proceduto in laparoscopia per poi terminare l’intervento con tecnica open. Se il decorso proseguirà senza complicazioni, domani Previti potrà essere dimesso e tornare nella sua abitazione romana.

Simbolo della scalata al potere di Berlusconi, volto affilato del primo berlusconismo di governo, Previti è stato condannato in via definitiva a sei anni per corruzione in atti giudiziari nell’ambito del Processo Imi-Sir. La condanna prevedeva anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici: Previti decadde quindi da deputato. Condannato anche a un anno e mezzo per il lodo Mondadori, Previti ha scontato in totale solo qualche giorno in carcere grazie alla legge ex Cirielli, usufruendo poi di domiciliari e servizi sociali. Negli ultimi tempi è stato citato quando Sergio Mattarella si è rifiutato di nominare Paolo Savona ministro dell’Economia del governo M5s-Lega. Nel 1994 Berlusconi, infatti, avrebbe voluto nominarlo ministro della giustizia, ma l’allora presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro si oppose: l’ex premier dovette dunque accontentarsi di nominare il suo avvocato alla Difesa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Open Arms attracca: Ocean Viking festeggia con una rotta a forma di cuore

prev
Articolo Successivo

Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera. La figlia alla polizia: “Guarda che avete fatto”

next