È stato ucciso dai cecchini delle forze speciali brasiliane l’uomo che, a Rio de Janeiro, aveva sequestrato dalle 6 del mattino locali un autobus con 37 persone a bordo, minacciando di dargli fuoco. A riferirlo è stato il portavoce della polizia militare, Mauro Fliess. Nessun ostaggio sarebbe rimasto ferito, mentre alla fine si è scoperto che l’attentatore aveva con sé una pistola giocattolo. Al momento del sequestro, aveva ordinato all’autista dell’autobus di mettere il mezzo di traverso nella corsia del ponte che collega Rio a Niteroi, sulla Baia di Guanabara.

L’uomo, la cui identità non stata rivelata, sarebbe sceso dall’autobus per gettare una valigia verso gli agenti che lo circondavano, e al momento di risalire sul veicolo sarebbe stato raggiunto dagli spari dei cecchini. I cronisti brasiliani presenti sul luogo parlano di sei spari, ma non c’è conferma. Alcune immagini riprese dai passeggeri all’interno dell’autobus, diffuse dai media brasiliani, mostrano quelle che sembrano bottiglie cariche di benzina che il sequestratore avrebbe appeso dal tetto del veicolo, minacciando di incendiarlo.

Non sono chiare quali erano le rivendicazioni del sequestratore, ma per ora viene escluso il movente del terrorismo internazionale. Il portavoce della polizia si è limitato ad indicare che l’arma che aveva con sé era una pistola giocattolo e che il sequestro era evidentemente stato premeditato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente nucleare, Russia: “Nessun obbligo di fornire dati sulle radiazioni”. Quattro basi di monitoraggio fuori uso dopo l’esplosione

next
Articolo Successivo

Trump vuole la Groenlandia? Dovrebbe stare attento al rovescio della medaglia

next