Una Bentley Sports Tourer 8 Litri del 1931, carrozzata da Gurney Nutting e di proprietà del miliardario Michael Kadoorie, ha vinto il Best of Show al Pebble Beach Concours d’Elegance.
Proprio l’anno in cui si festeggia il centenario della casa britannica, dunque, la vettura ha avuto la meglio su un lotto composto da 216 auto provenienti da 17 diverse nazioni, battendo una pattuglia qualificata di finaliste: la Talbot-Lago T150C-SS Figoni & Falaschi Tridrop Cabriolet di del 1938, l’Aston Martin DB4GT Zagato Coupé del 1962 e la Mercedes-Benz 540K Erdmann & Rossi Special Cabriolet del 1936.

In questa edizione numero 69, il Pebble Beach Concours d’Elegance ha raccolto oltre 2 milioni di dollari in beneficenza che andranno ad oltre 80 enti locali, che saranno così in grado di aiutare oltre 10mila bambini nella contea di Monterey. In particolare il noto attore e conduttore Jay Leno ha raccolto oltre 100.000 dollari per i Boys & Girls Club della Contea di Monterey offrendo visite alla sua nota collezione di auto.

Da menzionare anche quanto accaduto nelle manifestazioni di contorno. Gooding & Company ha realizzato oltre 76 milioni di dollari alle aste di questo fine settimana, con il top rappresentato dalla Ferrari 250 GT LWB California Spider del 1958, venduta per 9,905 milioni di dollari, e dalla Ferrari 312T del 1975 ex Niki Lauda che ha raggiunto un prezzo di vendita di 6 milioni. Sempre alle aste di Gooding & Company sono state battute una Studebaker Special Indy Car del 1931, che è arrivata ad un nuovo record mondiale di marca con un prezzo finale di 1,105 milioni, e una Alfa Romeo Tipo 256 Coupé del 1939 assegnata per 2,755 milioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jaguar Land Rover, l’Intelligenza Artificiale contro lo stress degli automobilisti

prev
Articolo Successivo

Fiat, Francois: “Trasportiamo le famiglie. Puntiamo su 500 e Panda, anche elettriche”

next