I Carabinieri hanno sottoposto a sequestro preventivo l’emittente radiofonica di Scandicci, in provincia di Firenze, Radio Studio 54. L’ipotesi di reato è quella di diffamazione e di istigazione all’odio razziale, reati per i quali è indagato lo speaker e titolare dell’emittente, Guido Gheri.

Gli uomini dell’Arma hanno eseguito il sequestro in seguito a un’ordinanza del Tribunale del Riesame che ha dato ragione circa la necessità di non far proseguire le trasmissioni, accogliendo l’appello del pm Christine von Borries. I Carabinieri hanno così apposto i sigilli al trasmettitore che permette di agganciare la frequenza assegnata.

Gheri è indagato a causa del comportamento tenuto nella messa in onda delle trasmissioni, durante le quali non solo avrebbe diffamato un ex consulente e un suo ex avvocato, ma avrebbe anche usato la sua radio esprimendo “un vero e proprio odio razziale ed etnico nei confronti degli extracomunitari in quanto tali, come tale idoneo a determinare in concreto il pericolo di comportamenti discriminatori”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, morto in un incidente il pm Marcello Musso: era stato titolare dell’inchiesta sulle aggressioni con l’acido

prev
Articolo Successivo

Milano, pm presenta ricorso in appello contro assoluzioni di 4 dirigenti di Lealtà azione: avevano manifestato con saluti romani

next