In questi giorni Federica Caroccia sta raccontando la disavventura che l’ha vista protagonista il 24 aprile scorso sui colli Aminei a Napoli. All’epoca alla quarantesima settimana di gravidanza stava passeggiando quando ha avvertito le prime contrazioni. Ha quindi deciso di salire su un autobus per recarsi in ospedale. Quando sul pullman è salito il controllore questo non ha voluto sentire ragioni e ha verbalizzato la sanzione per la corsa senza biglietto della partoriente. La donna è poi arrivata in ospedale e poche ore più tardi ha messo al mondo una bambina: “Fortunatamente è andato tutto bene, ma ho avuto tanta paura”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, papa Francesco scrive al Meeting di Cl: “Chi fugge da guerra e povertà è una persona, non un numero”

next
Articolo Successivo

Cilento, escursionista francese disperso. La prefettura di Salerno: “Ricerche avviate subito, costante contatto con il consolato”

next