Donald Trump si trastulla con l’idea di comprare la Groenlandia. secondo quanto riporta il Wall Street Journal, il presidente americano e tycoon immobiliare si è informato “ripetutamente” con i suoi collaboratori – anche se “con vari gradi di serietà” – sulla possibilità che gli Usa acquistino il territorio autonomo danese. Ma in Danimarca, di cui la Groenlandia è territorio autonomo, l’indiscrezione è stata commentata con scetticismo e irritazione. E il governo dell’isola ha chiuso con una nota in cui sottolinea che “ovviamente, la Groenlandia non è in vendita“, anche se “abbiamo una buona cooperazione con gli Usa e guardiamo ad essa come un’espressione di grande interesse per gli investimenti nel nostro Paese e per le possibilità che offriamo”,. “Deve essere un pesce d’aprile fuori stagione”, aveva scritto su Twitter l’ex premier Lars Lokke Rasmussen, che non prende troppo sul serio la presunta intenzione dell’inquilino della Casa Bianca.

Aaja Chemnitz Larsen, una delle due deputate al Parlamento danese elette in Groenlandia, si è limitata a un “No grazie”, aggiungendo che “al contrario, una migliore e più equa partnership con la Danimarca dovrebbe” dovrebbe invece essere la strada da seguire per una “Groenlandia più indipendente”. Nemmeno i Social liberali, che appoggiano il governo di minoranza danese, hanno preso troppo sul serio l’idea di una Danimarca a stelle e strisce. “Trump che compra la Groenlandia? Spero sia uno scherzo, altrimenti è un’idea tremenda, con il rischio di militarizzazione della Groenlandia e meno indipendenza per i suoi abitanti. Inoltre, una grossa perdita per la Danimarca”, ha scritto su Twitter il responsabile esteri del partito, Martin Lidegaard.

Grande quattro volte la Francia, la Groenlandia è una gigantesca isola artica perlopiù ricoperta da ghiaccio in cui gli effetti del riscaldamento globale sono evidenti: lo scioglimento dei ghiacci, che portano all’innalzamento del livello dei mari, si è moltiplicato per quattro fra il 2003 e il 2013. Trump, scettico sul cambiamento climatico, da quando è stato eletto nel 2016 ha ritirato gli Usa dall’accordo di Parigi sul clima e ha sistematicamente cercato di disfarsi delle regolamentazioni ambientali adottate negli otto anni di presidenza del suo predecessore democratico Barack Obama. Secondo il Wall Street Journal, il tycoon sarebbe ora interessato alle risorse naturali e alla rilevanza geopolitica di questo territorio di due milioni di chilometri quadrati, in cui vivono 56mila persone molte delle quali appartenenti alla comunità indigena Inuit. Alcuni consiglieri avrebbero detto che acquistare la Groenlandia, che si trova a nordest del Canada, sarebbe positivo per gli Usa, mentre altri l’avrebbero definita “una attrazione passeggera” del presidente. La base militare più a nord degli Usa, la Thule Air Base, si trova in Groenlandia da decenni. Trump dovrebbe recarsi in visita a Copenaghen a settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Stati Uniti, esecuzione con sedia elettrica in Tennessee. L’ha scelto il condannato: “Meno dolorosa dell’iniezione letale”

next
Articolo Successivo

Germania, Olaf Scholz si candida alla guida della Spd: il ministro delle Finanze di Merkel osteggiato dall’ala sinistra del partito

next