È morto a 43 anni il fumettista e regista Gabriele Di Benedetto, noto con il nome d’arte “AkaB”. Il decesso è avvenuto il 14 agosto ma la notizia è stata data solo ora dalla famiglia sui social. L’artista, nato a Milano nel 1976, aveva fondato Shok Studio, occupandosi anche di coordinamento editoriale. Con il suo stile inquieto e dissacrante, aveva collaborato con le maggiori case editrici di fumetti, dalla Marvel alla Dc Comics e alla Bonelli, oltre che con testate come Il Manifesto e Rolling Stone. Non solo, nella sua carriera ha realizzato anche diversi corti ed ha partecipato alla 60esima Mostra del Cinema di Venezia con il suo lungometraggio “Mattatoio”. Nella biografia sul suo sito, Gabriele Di Benedetto si definiva un “esploratore delle condizioni dell’animo umano e sperimentatore non convenzionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Raoul Bova: “La depressione? Ci sono dei momenti nella vita in cui sei solo davanti a Dio”

prev
Articolo Successivo

Nadia Toffa morta, Davide Parenti: “Il lavoro l’ha tenuta in vita più di quanto la malattia permettesse. Negli ultimi tempi faticava a camminare”

next