“Benetton devasta e saccheggia”, “Verità e giustizia per la strage di Genova”. A Treviso, sotto la sede di Edizione, la holding della famiglia Benetton, un gruppo di manifestanti ha organizzato un presidio di protesta a un anno dalla tragedia del Ponte Morandi. Le persone, riunite sotto le sigle del Comitato No Terza Corsia A13 Padova-Monselice, Potere al popolo, Cucina Brigante, Rete internazionale in difesa del popolo Mapuche, hanno citato, al di là del viadotto crollato nel capoluogo ligure, “il decentramento produttivo in Bangladesh e nei Paesi dell’Est, gli espropri delle terre dei Mapuche in Argentina”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ponte Morandi, famiglie delle vittime: “È stata una condanna a morte, vogliamo giustizia”

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, i cittadini ricordano le 43 vittime con striscioni e palloncini: “Ora verità e giustizia”

next