Il pareggio di bilancio non è in discussione. Parola del portavoce di Angela Merkel, che lunedì ha ribadito la fedeltà di Berlino al principio dello “Schwarze Null” smentendo la necessità di una svolta nel senso di una politica economica più espansiva, auspicata da alcuni esponenti della Spd e dall’ex numero uno Bce Jean Claude Trichet. Ne era nato un dibattito sull’opportunità di mettere in campo investimenti anche in deficit per rinnovare le infrastrutturein un contesto di economia in frenata – e soprattutto per la lotta ai cambiamenti climatici.

“La cancelliera non ha mai dato adito ad alcun dubbio circa la sua fedeltà all’obiettivo del pareggio di bilancio”, ha detto Steffen Seibert. “Possiamo realizzare i compiti che ci prefissiamo senza fare nuovi debiti“, ha aggiunto il ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz parlando delle misure sul clima e sull’abolizione del contributo di solidarietà per la riunificazione, il cosiddetto “Soli”.

Intanto prosegue il dibattito tra i cristiano-democratici tedeschi sulle misure più efficaci per fare fronte ai cambiamenti climatici. “Quello che ho in mente è un consenso nazionale sul clima”, ha detto la presidente della Cdu, Annegret Kramp-Karrenbauer, in un’intervista all’emittente pubblica Zdf. La leader dei conservatori tedeschi chiede premi di rottamazione per vecchi impianti di riscaldamento a gasolio e una nuova ristrutturazione delle misure per il risparmio energetico: “Non abbiamo poche tasse, ma abbiamo troppo poco controllo”, ha detto stamattina. Ieri la neo-presidente della Cdu – in un contributo pubblicato su Welt am Sonntag – ha sostenuto che “l’intero impianto – costituito da tasse, prelievi e imposte nel settore energetico – deve essere ristrutturato dalle fondamenta”.

La neutralità climatica, “lo zero verde” (gioco di analogie con lo “Schwarze Null” che indica il pareggio di bilancio) è il nuovo traguardo del partito conservatore tedesco. Nei giorni scorsi anche altri esponenti del fronte conservatore, come il ministro-presidente della Baviera, Markus Soeder e il ministro-presidente del Nord Reno-Vestfalia, hanno fatto dichiarazione di apertura nei confronti di una politica volta alla protezione dell’ambiente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, la Regina Elisabetta rompe il protocollo e esprime “delusione per l’attuale classe politica incapace di governare”

next
Articolo Successivo

Open Arms, Salvini blocca la nave nonostante disponibilità di 6 Paesi Ue trovata da Conte. Il Viminale: ‘Nessun paese ha fatto passi formali’

next