Mantengo la parola data, il governo dura cinque anni”. Da gennaio a giugno, tutte le volte che Matteo Salvini ha rassicurato giornalisti e sostenitori sulle sue intenzioni: “All’orizzonte non vedo problemi, l’esecutivo sta lavorando bene e va avanti” sono le sue parole all’indomani delle Europee. Con il voto sulla Tav, però, le cose sono cambiate. Ieri, l’ufficializzazione da parte del leader della Lega della crisi di governo: “Non c’è più la maggioranza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi governo, Renzi: “Mi rimetto in campo. Basta fare i fighetti, è il momento della battaglia”

prev
Articolo Successivo

I 17 mesi dell’Italia giallo-verde, dal contratto Lega-M5s alla crisi di governo: la video-scheda

next