Si è suicidato Clauvino de Silva, il narcoboss brasiliano che sabato 3 agosto aveva tentato di fuggire dal carcere di massima sicurezza di Gericinò, a Rio de Janeiro tentando di farsi passare per sua figlia 19enne. Stando a quello che riporta la segreteria dell’amministrazione penitenziaria (Seap) di Rio de Janeiro, citata dai media locali, si sarebbe impiccato con le lenzuola, nella cella in cui stava scontando una condanna a 73 anni per traffico di droga. Sulla sua morte è stata aperta un’inchiesta.

Il 42enne boss del narcotraffico, soprannominato “Shorty” e legato al Comando Rosso, la più grande organizzazione criminale di Rio de Janeiro, era comparso nelle cronache di tutto il mondo per il suo originale tentativo di fuga. Grazie alla sua corporatura minuta, una parrucca e una maschera di silicone, aveva tentato di travestirsi da adolescente, sperando di essere scambiato per sua figlia Ana Gabriele che era andata a trovarlo e riuscire a evadere dal carcere. A tradirlo è stato il suo atteggiamento nervoso che aveva insospettito le guardie del penitenziario.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Open Arms, Malta vieta l’ingresso nelle acque territoriali alla ong spagnola con 121 persone a bordo. Nave a 30 miglia da Lampedusa

prev
Articolo Successivo

Texas, agenti arrestano afroamericano e lo legano a una corda: la foto diventa virale

next