Scene da film a Rio de Janeiro. Dove, domenica scorsa, il capo di una banda di criminali brasiliani ha tentato di evadere dal carcere di Gericinò ‘travestito da sua figlia adolescente’. L’episodio incredibile – riportato dal ‘Guardian’ – ha come protagonista Clauvino da Silva, detto ‘Shorty’, un criminale noto per essere a capo del ‘Commando Rosso’, una banda molto potente in Brasile che gestisce buona parte del traffico di droga. Da Silva ha acquisito il soprannome dalla sua corporatura esile, che gli ha anche permesso di completare a puntino il suo travestimento.
E avrebbe potuto farla franca, se non fosse stato per il suo nervosismo che – riporta il ‘Guardian‘ – ne ha tradito l’andatura insospettendo i funzionari della prigione. Il piano del boss, da quanto si apprende, era quello di lasciare sua figlia in carcere, compiendo un vero e proprio scambio con annessa fuga.

Una parrucca di capelli neri, una maglietta rosa con un disegno infantile, jeans attillati e una maschera in silicone iper-realistica completavano il suo ‘outfit’. Il segretario di stato dell’amministrazione penitenziaria ha pubblicato foto e video di Da Silva che, dopo essere stato scoperto, rimuove il suo costume e dice il suo nome completo. Il video è stato poi diffuso dall’account twitter ‘O Globo Rio‘, dell’omonimo giornale. La ragazza di 19 anni, figlia del detenuto, è ora indagata come possibile complice del fallito tentativo di fuga. Suo padre è stato trasferito in una struttura di massima sicurezza e si prepara ad affrontare ulteriori sanzioni disciplinari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trump: ‘No a razzismo e suprematismo bianco. A causare le stragi è malattia mentale’. E Obama lancia appello per stretta sulle armi

prev
Articolo Successivo

Stragi Usa: Trump dà la colpa alla “follia” degli assalitori, ma deve fare i conti con il terrorismo bianco

next