Dal 20 agosto nell’aeroporto internazionale di San Francisco sarà vietata la vendita di bottiglie di plastica. La novità fa parte di un piano quinquennale per diminuire i rifiuti, le emissioni di anidride carbonica e lo spreco energetico: l’obiettivo dello scalo è arrivare a “zero rifiuti in discarica” entro il 2021. Il divieto si applicherà a tutti i ristoranti, caffè e distributori automatici, ma non agli aerei che utilizzano lo scalo.

Nella struttura viene già fornita gratuitamente acqua filtrata in 600 stazioni d’idratazione, dove i viaggiatori possono riempire le proprie “ecobottiglie“: contenitori riutilizzabili in vetro, alluminio riciclato o materiali compostabili certificati. L’aeroporto, che si descrive come “leader” nella sostenibilità, in passato ha installato pannelli solari e imposto l’utilizzo di stoviglie completamente biodegradabili, incluse cannucce e posate. Altri aeroporti a Dubai e in India hanno annunciato divieti simili sulle bottiglie di plastica, ma devono ancora applicarli del tutto.

Già dal 2014 la città di San Francisco ha vietato la vendita di bottiglie per l’acqua in plastica sul territorio cittadino, ma da allora ha previsto rinvii ed eccezioni. La produzione globale di plastica è cresciuta sempre più velocemente nel mondo e attualmente è a oltre 400 milioni di tonnellate l’anno. I prodotti monouso rappresentano circa il 70% dei rifiuti in plastica che inquinano l’ambiente marino e ogni anno un milione di uccelli e oltre 100mila mammiferi marini muoiono o vengono feriti perché strangolati dalle plastiche o per averle ingerite. Canada e Unione europea hanno promesso che vieteranno gli oggetti monouso in plastica dal 2021.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Groenlandia, ghiacciai neri attraversati da fiumi: le immagini impressionanti dopo il caldo record

next
Articolo Successivo

Terra dei fuochi, Costa: “Ognuno ha fatto il suo tranne il ministro dell’Interno”. Fico: “È priorità. Deve esserlo anche per Salvini”

next