Sono perplesso. Molto. Sento falsità e continue fastidiose improvvisazioni nella bulimica propaganda di Matteo Salvini. Il consenso a suo favore: a me il conto non torna. Ci deve essere qualche ragione che ha rotto antichi meccanismi. I media tradizionali balbettano un parlottio distratto e inefficace. Che cosa è oggi la Lega? Bene: quella del “dàgli al terrone!” sembra sparita. La classe dirigente con Salvini in testa è rimasta la stessa dell’epoca di Umberto Bossi: ma… al Sud sono così scemi?

Come diceva il grande Totò, “è la somma che fa il totale!”. Ma per fare la somma ci vogliono gli addendi: e Salvini ha capito che deve andare direttamente sugli… addendi. Ed è il solo che – in modo intelligente – riesce ad andarci. Il problema, a mio parere, riguarda tre elementi molto importanti della comunicazione: i contenuti, i mezzi di comunicazione adottati e i destinatari della comunicazione. Le fasce di mercato sono:

1. quella dei compratori di politica consapevoli;
2. quella dei compratori di politica inconsapevoli;
3. quelli che non comprano politica, ma danno lo stesso l’obolo del loro voto. Questa non è l’area del “non voto”, bensì la grande famiglia degli emarginati dalla politica abituale: quelli che dicono “lo Stato sono loro”. Insieme agli inconsapevoli questi costituiscono la pancia del corpo elettorale che vota: e la loro somma numerica esprime una massa di voti molto superiore a quelli del punto 1.

Il potere politico conferito attraverso elezioni – con questo sistema democratico – viene dalla pancia del corpo elettorale, non dalla testa. In realtà il sistema dei media parla ai compratori di politica, non con quelli del punto 3: non può neppure raggiungerli. Salvini invece (come a suo tempo Matteo Renzi) li raggiunge, e alla grande. Ma, allora: come è stato possibile che Matteo Salvini sia riuscito a raggranellare così tanti like, per dirla “alla social”? Come è stato possibile per lui entrare in contatto, parlare alla pancia del corpo elettorale?

Il “mercato-intellettuale 1” è molto più piccolo rispetto al “mercato-pancia 2+3”. E il potere viene dalla pancia. Oltretutto, il “mercato intellettuale 1” è tradizionalmente conteso da diversi schieramenti politici tradizionali, che – ricordiamolo – sono afflitti da una stima e da un apprezzamento popolari ormai sotto i tacchi. E’qui la grande abilità/intuizione (a mio avviso truffaldina, ma in politica, come in amore, tutto è concesso o quasi) di Salvini, che invece il mondo “bene” del resto del panorama politico non ha capito e continua a non capire: perché Salvini ci ha aggiunto (intelligentemente, secondo i suoi paradigmi di onestà intellettuale) del suo. Salvini non parla loro di politica: parla loro di sicurezza, si atteggia a paladino della giustizia, dell’operosità.

Salvini ha capito fino in fondo la grande scoperta di Pirandello, che diceva “la verità non è quella che è ma quella che appare”. E lui si dà da fare perché alla pancia del Paese appaia quello che la pancia del Paese vuole vedere (è la tecnica berlusconiana: io do al mercato quello che chiede). Ha capito due cose fondamentali: che il “mercato-pancia 2+3” è lontano anni luce dal conoscere la politica: ne è tenuto lontano da mille capziosità che non capisce e che si rifiuta (e fa bene) di capire. Questa gente non compra politica, compra stati d’animo. Non solo: non si sente parte del mondo intellettuale, quindi non legge i giornali, non ascolta la televisione/politica, non partecipa a dibattiti. Si tratta quasi sempre di gente condannata alla solitudine civile dal nostro sistema di vita, che si sente abbandonata.

E che ti combina Salvini? Lui, soprattutto, usa i social. E’ la stessa ragione del successo inizialmente strepitoso del peronismo di argentina memoria. Che si ispirava al giustizialismo, giustizia un tanto al chilo, però rapida e conclusiva. Quindi non politica e comunicazione canonica: solo tifo e social. Ma il vero galeotto fu ed è il telefonino, che ha fatto saltare il banco: è l’arma di cui Salvini ha saputo dotarsi e che sfrutta con maestria. Pensate: Salvini si fa un selfie con qualche frase altitonante ma vuota. Subito qualche rete televisiva lo dirama: raggiunge il “parco-buoi” (per Salvini) moltiplicato n volte. Quel cellulare è diventato di botto grande come la Bbc o la Cnn: il nostro elettore abbandonato si sente al centro della scena, oh, finalmente! A quel punto i media non possono farci nulla e, in sostanza, quegli elettori non li degnerebbero neppure di uno sguardo. E i nostri superlaureati guru della comunicazione sono fottuti e inutili.

Salvini parla, viene capito, non ha contrasti critici e – udite udite – il sistemino non costa una cippa. Evviva i media e i guru moderni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Riforma della Giustizia, Bonafede: “Tanti ‘no’ della Lega. Il vero problema è la prescrizione?”

next
Articolo Successivo

Regione Sardegna, dubbi su legittimità nomine dirigenziali. Interrogazione della sinistra: “Revocatele, non hanno requisiti di legge”

next