Che scena formidabile! Gianluca Savoini, già portavoce di Matteo Salvini, in missione a Parigi riceve dalle mani di Mohamed Khabbachi, emissario di re Mohammed VI, 150mila euro. Li spacchetta in bagno, ma colto dall’emozione per via di un intruso a cui evidentemente scappa la pipì, li lascia cadere . È un cesso alla turca. Il povero Savoini è costretto a raccogliere e ripulire le banconote una a una. È il 2016. L’anno prima Savoini aveva accompagnato Matteo Salvini in Marocco, terra bellissima anzi “stupenda”, disse il nostro Matteo. “In Marocco bisogna investire”, raccomandò.

L’amicizia marocchina, finora sconosciuta, riempie il cuore. Chissà che Salvini, in questi giorni in missione nel Sud d’Italia, non decida di aprire il suo orizzonte, per un domani spettacolare, ancora più a sud, nel teatro stupendo del Maghreb. Spiegherà, al modo che ha fatto con i meridionali, che copriva di offese figurative per via del suo instancabile fervore dialettico e uno spinto esercizio ironico, che mai e poi mai ha pensato di fermare i barconi in mare. “Chiedete a Toninelli”, dirà.

Al di là dei soldi, della transazione parigina nell’anticamera del cesso alla turca, dell’emissario del re del Marocco, delle numerose amicizie di Savoini, un vero tuttofare, un senso sconosciuto della Lega per gli altri, soprattutto per l’Africa. Molti anni fa accadde, per esempio, che il papà di Giancarlo Giorgetti, uomo di polso della Lega, nel suo ruolo di presidente di una cooperativa di pescatori del lago di Varese, dovesse affrontare la decisione delle decisioni. Cosa farne dei pesci gatto, l’unica specie che fioriva nelle acque lumbard. Il pesce gatto ha una carne molto grassa, cucinarla non è da tutti, gli italiani, a parte nelle valli di Comacchio, non la mangiano.

I pescatori del lago di Varese, tutti orgogliosamente padani, valutarono il da farsi. Gli unici clienti dal portafoglio pronto erano i senegalesi. La politica si fece allora da parte, il sole delle Alpi si distrasse per un momento e quegli africani di stanza in Italia, tanti e tanti vu’ cumprà, furono chiamati a fare l’affare.
I vu cumprà divennero così i clienti principali dei pescatori leghisti.
Tutto torna!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’istantanea – L’Italia e la sua decrescita civile. Un po’ alla volta, finalmente barbari! Tirando a campare siamo giunti

prev
Articolo Successivo

Crisi di governo, Salvini e il plebiscito. L’effetto ottico di cui è stato vittima Di Maio

next