“È assurdo dividersi su tutto”, anche perché ad ogni spaccatura “c’è qualcuno che esulta davvero”. Alessandro Di Battista interviene nel dibattito sull’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma mentre era in servizio, e chiede ai politici di smetter di “commentare ogni cosa” e “propongano soluzioni, non opinioni”. In primis, il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dice l’ex deputato M5s “sia capace di trovare centinaia di milioni di euro non per il Tav o per regalarli a Radio Radicale ma per aumentare effettivi, stipendi e dotazioni delle forze dell’ordine”. 

E poi che “vada nei territori di mafia (se ha la libertà e il coraggio di farlo) non a chiedere voti ma a chiedere cosa occorre per la principale guerra che lo Stato deve combattere: quella al crimine organizzato”. Auspicando che “si faccia totale chiarezza” sull’assassinio di Cerciello Rega, Di Battista aggiunge anche un “popolo unito” oggi chiederebbe anche “che i responsabili dell’omicidio paghino tutto e soprattutto paghino in Italia nonostante siano figli dell’impero statunitense”.

“Siamo sempre più un popolo di tifosi e un popolo di tifosi è un popolo di sudditi”, commenta Di Battista prendendo le mosse dalle reazioni speculari delle forze politiche in occasione del caso di Daisy Osakue, l’atleta italiana colpita la scorsa estate ad un occhio da un uovo lanciato da una macchina, e l’omicidio del vice-brigadiere 35enne avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì scorso a Roma. 

“I tifosi si scaldano, si incazzano, gridano alle ingiustizie, alcuni si picchiano tra loro ma la palla non la toccano mai – dice – Tengono in piedi un sistema che senza di loro non andrebbe avanti. Finché si tratta di calcio mi può anche stare bene ma quando a comportarsi da tifosi sono i cittadini che non dovrebbero tenere in piedi il sistema ma semmai cambiarlo iniziando a “toccare palla” è molto più grave”, conclude Di Battista nel suo post su Facebook.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Meloni: ‘Al voto e poi governo FdI-Lega per 5 anni’. E attacca Gozi: ‘Cosa gli deve Macron?’

next
Articolo Successivo

Forza Italia, Toti: “Dimissioni senza primarie? Se non si vuole cambiare, mio mandato inutile”

next